Guido Migliozzi: una giovane promessa e un futuro professionista

Guido Migliozzi: una giovane promessa e un futuro professionista

Guido Migliozzi è il giovanissimo dilettante che è approdato ai Match Play nell’ultimo Campionato Internazionale di Spagna, “Copa S.M. El Rey”. Ma andiamo a scoprire qualcosa di più su questa giovane promessa del golf e sul suo rapporto col coach Niccolò Bisazza.

Nato a Vicenza nel 1997, inizia a giocare a golf a soli nove anni, nel 2006. Dimostrando un forte amore per la disciplina golfistica e uno spiccato talento, a soli 14 anni (nel 2014) entra in squadra Nazionale. Tesserato per il Club della Montecchia, si è aggiudicato consecutivamente, a partire dal 2011, sei titoli italiani, gli Internazionali d’Italia Under 16, il Duke of York, il Junior World Match Play, il French International Boys e l’European Nations Championship. Il suo ultimo successo è stato in Portogallo, dove si è guadagnato la vittoria all’86esimo Portuguese International Amateur Championship. Ad oggi si trova al 12esimo posto nel ranking europeo.

E’ un ragazzo solare e dotato di grande forza d’animo, che gli ha permesso di arrivare in così poco tempo dove si trova ora e di raggiungere risultati non da poco. Guido si allena fino a quattro ore al giorno, tra pratica e palestra, e i suoi idoli del golf sono Tiger Woods e Matteo Manassero. Ama il suo sport per molti aspetti: non solo perché ti mette alla prova durante ogni allenamento e gara, ma anche per il suo lato divertente e sociale: “ti permette di divertirti con gli amici, di andare in trasferta e di relazionarti con molte persone”.

Suo guru e maestro sin quasi dagli esordi, il giocatore professionista Niccolò Bisazza nutre molte speranze nei confronti di Guido, dopo averlo preso sotto la sua ala protettiva quando il ragazzo aveva solo 12 anni. Bisazza lo descrive come un giovane molto determinato, spavaldo e autoritario, ma dotato di alta capacità coordinativa. Stando a lui, Guido potrebbe diventare giocatore professionista già dal prossimo anno entrando nell’European Challenge Tour, pur tenendo conto che anche lo studio scolastico non va trascurato: Guido quest’anno infatti dovrebbe conseguire il diploma di maturità.

Dal canto suo, Migliozzi apprezza ed ammira molto il suo coach: “E’ un professionista all’avanguardia, sempre preparato e aggiornato, dal punto di vista umano, è  simpatico e mi sta sempre vicino”.

 

Autore

Articoli Correlati