Viaggio aereo con la sacca da golf: per molti ma non per tutti

Viaggio aereo con la sacca da golf: per molti ma non per tutti

Se si vola in categoria Business o si è un “Frequent flyer” in molti casi il problema non si pone… ma se il biglietto è standard i sovrapprezzi e le difficoltà sono dietro l’angolo. E’ quello che accade agli appassionati di golf che non vogliono abbandonare la propria sacca (e soprattutto i propri costosissimi ferri) quando si recano all’estero per gustarsi un green da sogno di un nuovo Golf Club.

Per  far luce sulle varie regole di imbarco delle compagnie aree abbiamo condotto un’indagine interpellando le maggiori compagnie aree che operano in Italia.

La maggior parte delle compagnie aree continentali permette a chi possiede un biglietto aereo standard di imbarcare la sacca da golf al posto della valigia o in aggiunta ad essa, sempre che rientri nel limite di peso previsto che, a seconda dei vettori, è tra i 20 e 30 kg. Dato che in media una sacca da golf pesa almeno 12-15 kg tre sono le possibilità:

  1. rinunciare a buona parte dei vestiti
  2. pagare l’eccedenza di peso
  3. rinunciare alla propria sacca ed affittarla nel luogo di villeggiatura

Unica eccezione American Airlines che permette, anche in caso di biglietto standard, di imbarcare oltre alla valigia una sacca da golf per viaggiatore, che contenga non più di 14 bastoni, 12 palline e un paio di scarpe e i vettori KLM e Air France che danno la possibilità agli utenti di iscriversi gratuitamente al Flyingblue Golf e di trasportare così grazie a questo gratuitamente l’attrezzatura.

“Non credo che stupisca la politica di imbarco di America Airlines”, ha commentato Elena Guzzella direttore responsabile di DotGolf.it. “Per un americano negare ad un passeggero la propria sacca da golf sarebbe come per un italiano negare un kilo di spaghetti… proprio non si può fare. Compagnie come Alitalia, KLM, Air France sembrano invece identificare gli appassionati di golf unicamente come utenti di fascia alta. Per tutte queste compagnie infatti il trasporto della sacca da golf è gratuito solo se il viaggiatore vola in Fisrt Class (vedi  Lufthansa) o appartiene a Club esclusivi riservati a frequent flyer (vedi soci Ulisse, Flying Blue golf, ecc.). Vi sono poi compagnie come Tap Portugal che, proprio per promuovere la ricca offerta golfistica del proprio paese, offre la possibilità a qualunque viaggiatore di imbarcare il proprio set si ferri con un sovra-costo di 20 o 40 euro”.

Se volete uno schema esaustivo sulle varie regole di imbarco delle sacche da golf visitate  http://www.dotgolf.it/sacchegolf

Autore

Articoli Correlati